Ecosistema Urbano 2021: province più green d’Italia, Cagliari al 16esimo posto

Ecosistema Urbano: province più green d’Italia, Cagliari al 16esimo posto

PRENOTAZIONE ONLINE SICURA
VERIFICA LA DISPONIBILITÀ DI CAMERE E TARIFFE
Miglior Prezzo Garantito

Verifica la disponibilita’
whatsapp

Dal report redatto da Legambiente, con la collaborazione scientifica di Ambiente Italia ed editoriale de Il Sole 24 Ore, nel 2021 si è giunti alla 28/a edizione di  “Ecosistema urbano”, Cagliari si trova al 16esimo posto tra le città più green d’Italia, in un anno la città ha guadagnato ben 20 posizioni rispetto alla classifica precedente del 2019.

Ha l’obbiettivo di stilare una classifica per certificare l’ecosostenibilità identificando il rendimento delle prestazioni ambientali e valutando l’operato delle amministrazioni pubbliche analizzando oltre 125 mila dati.

Lo studio dei 105 capoluoghi, durato circa un anno e proseguito durante il lockdown, ha analizzato 5 macro-aree (aria, acqua, rifiuti, mobilità, ambiente) suddividendole in 18 criteri di valutazione:

  • Alberi in aree di Proprietà pubblica
  • Isole pedonali
  • Solare pubblico
  • Uso efficiente suolo
  • Verde urbano
  • Biossido di azoto
  • Ozono
  • Pm 10
  • Consumi idrici
  • Dispersione della rete idrica
  • Efficienza depurazione
  • Offerta trasporto pubblico
  • Passeggeri trasporto pubblico
  • Piste ciclabili
  • Tasso di motorizzazione
  • Vittime della strada
  • Rifiuti differenziati
  • Rifiuti prodotti

Il podio è costituito dalle provincia di Trento, Reggio Emilia e Mantova, mentre Palermo e Catania risultano fanalini di coda.

Classifica Finale Ecosistema Urbano

Grazie a questo grosso passo avanti la città di Cagliari è sia più urbanizzata, sia più vivibile per i cittadini e sia più attrattiva per i turisti.

La tendenza è destinata a crescere ancora, infatti nella delibera comunale del 10 agosto sono stati stanziati ben 128 milioni per migliorare la città, tra cui:

  • 30 milioni stanziati dal Programma Nazionale di Qualità dell’Abitare (#PinQua) per operazioni di edilizia pubblica e sociale;
  • 10 milioni di euro destinati al Verde Pubblico dal Piano Nazionale di Ripresa e Residenza (PNRR).

Per quanto riguarda il trasporto pubblico, la pandemia ha generato una sostanziale riduzione dei chilometri percorsi dai mezzi, che hanno permesso a Cagliari di posizionarsi in seconda posizione alle spalle di Trieste. L’obiettivo comunale è quello di rispettare l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e ottenere solo mezzi elettrici nel 2030.

L’intenzione è anche quella di mantenere il trend del potenziamento dei parchi pubblici per rendere la città più verde e l’area più pulita.

Un altro tema di punta riguarda le energie rinnovabili per ridurre i gas nocivi atmosferici, in questo senso anche la raccolta differenziata sta portando frutti, nel 2020 ammonta ad una percentuale attorno al 70%.

Unico valore negativo riguarda il numero di auto: 67 ogni cento abitanti.

Capitale verde d’Europa 2023 (EGCA)

Nel 2021 la città di Cagliari è rientrata tra le 16 candidate per l’European Green Capital 2023 con Belgrado, Dublino, Gaziantep, Danzica, Helsingborg, İzmir, Košice, Cracovia, Logroño, Rzeszów, Skopje, Sofia, Tallinn (vincitrice del premio), Varsavia e Zagabria.

Nonostante la giuria di dodici ha ritenuto Tallin la migliore tra tutte le finaliste Cagliari ha messo le basi per poter competere ad alti livelli e arrivare a diventare un modello europeo.

Il Premio Capitale Verde Europea nasce nel 2006 su iniziativa dell’ex-sindaco di Tallin Jüri Ratas Tallinn per incentivare le città allo sviluppo di parchi e luoghi verdi in modo tale da salvaguardare l’ambiente migliorando lo stile di vita dei cittadini. La maggior parte della della popolazione dell’UE abita in grossi centri, al momento è il 75% e il dato è destinato a crescere, è quindi fondamentale incentivare uno sviluppo ecosostenibile urbana città svolgono un ruolo guida nel rendere l’Europa più sostenibile, dando l’esempio e ispirando e motivando gli altri a salire a bordo.

Il Premio Capitale Verde Europea è assegnato a una città con più di 100.000 abitanti che è in prima linea nella vita urbana rispettosa dell’ambiente. Ogni anno, un gruppo di esperti indipendenti di sostenibilità urbana valuta le prestazioni delle città concorrenti rispetto a 12 indicatori ambientali e seleziona i finalisti. Oltre a fornire ispirazione ad altre città, le città vincenti beneficiano di un profilo più elevato, che serve a migliorare la loro reputazione e a renderle una destinazione attraente e sostenibile per le persone da visitare, lavorare e vivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.